LineaTempo Nuova Serie

Numero 11 - L’altro Rinascimento. Cultura, arte e religione nel Cinquecento

Ci sono molti modi per accostarsi al mondo affascinante del Rinascimento.

Il Rinascimento nell’immaginario collettivo è ancora prevalentemente visto come un’esplosione liberatrice dal quadro irrigidito della tradizione medievale, per gettare le basi di una modernità concepita come cantiere rivoluzionario del progresso che porta diritti al trionfo del nostro secolarizzato presente.

Il numero 11 di LineaTempo – gennaio 2017 – vuole offrire un percorso che aiuti a riscoprire il Rinascimento in tutta la vivacità dei suoi colori, perché, come dice la storiografia più qualificata, consiste in una rielaborazione della tradizione intesa come un corpo vivo dotato di risorse capaci di sviluppare i valori ereditati secondo una fisionomia nuova, aperta all’incremento di valore e alle riforme necessarie per rispondere alle nuove esigenze dei tempi.

In questo senso è diventato ormai chiaro che il fatto religioso è stato una delle pietre miliari di costruzione su cui si è modellata l’identità dell’uomo moderno e si è ridisegnata la fisionomia del mondo europeo.

Ecco perché abbiamo intitolato il nostro dossier L’altro Rinascimento. Cultura, arte e religione nel Cinquecento (a cura di Alessandro Corsi e Danilo Zardin), per mostrare attraverso brevi saggi quanto gli stereotipi della visione secolarizzante sul Rinascimento siano grossolani (si veda il ritratto di Lucrezia Borgia, assunta nella mentalità corrente a simbolo della corruzione dell’umano da parte della religione, e qui riscoperta nella sua sofferta problematica religiosa) e lasciar emergere come la religione sia stata fattore dinamico della cultura della svolta rinascimentale, contribuendo a nutrirne in modo decisivo alcune delle espressioni più clamorose, da Michelangelo fino ad Ariosto, da Vittoria Colonna agli sviluppi della ricerca musicale, alle problematiche delle alte gerarchie e del papato della Chiesa cinquecentesca, posta di fronte alla grande sfida della riforma luterana.

Leggi il numero su Il Sussidiario